Attestato Haccp: scopri di cosa si tratta e quando ti serve davvero

Attestato Haccp: scopri di cosa si tratta e quando ti serve davvero

Chi lavora nel campo della ristorazione, a tutti i livelli e per qualsiasi tipo di mansione, avrà prima o poi a che fare con gli alimenti. Per legge questi alimenti dovranno sempre essere sicuri ed igienici, per garantire un’ottima esperienza di utilizzo, oltre che il benessere dei clienti. Gli addetti ai lavori dovranno perciò avere una conoscenza approfondita di questo argomento, che potranno ottenere grazie a dei corsi professionali, chiamati Haccp. Scopriamo di cosa si tratta e a cosa servono, nello specifico, questi corsi insieme all’azienda SINE Sicurezza specializzata in corsi di sicurezza sul lavoro a Udine.

Cosa sono i corsi Haccp, quali argomenti affrontano e quanto durano

Partiamo dal nome, o meglio dall’acronimo HACCP. Deriva dall’inglese Hazard Analysis and Critical Control Points, che letteralmente vuol dire in italiano “Analisi dei rischi e punti critici di controllo”. In pratica si tratta di un sistema di misure di controlli sulla qualità dei cibi che tutte le strutture ricettive dovranno possedere e padroneggiare. Non solo, ma il corso su questo tema dovrà essere seguito obbligatoriamente da chi lavora nel settore dell’agroalimentare. Detto questo cerchiamo di capire quali sono gli argomenti e i temi trattati in un corso di formazione per Haccp. Le tematiche più importanti avranno di sicuro a che fare con il come ci si comporta per preparare e maneggiare in maniera sicura gli alimenti. Scendendo nei particolari, ecco le principali materie dei corsi:

  • Il rispetto delle norme igieniche: Si parte da qui per non contaminare i cibi manipolati. Ecco che dunque curare la propria persona in modo scrupoloso è fondamentale per evitare problemi. Ogni singolo addetto del locale dovrà rispettare un’igiene perfetta. Come lavare le mani, come tagliare e pulire le unghie e i capelli, il divieto di indossare gioielli sono solo alcune delle indicazioni date.
  • Essere sicuri di star bene: Non si va a lavorare se si presentano sintomi a carico dell’apparato gastrointestinale, della gola o della pelle. Occorre sottoporsi a visita medica.
  • Quali sono gli indumenti da indossare: Abiti sempre estremamente puliti e di colore chiaro. Meglio se in cotone o altre fibre naturali. Le scarpe dovranno essere di tipo antinfortunistico e utilizzate solo all’interno del locale.
  • Metodi di pulizia e sanificazione: Vengono individuate tutte le strategie, gli strumenti e le sostanze che servono ad igienizzare e sanificare al meglio gli ambienti.
  • Come evitare le alterazioni degli alimenti: In questo caso si insegnerà a non contaminare gli alimenti per veicolo fisico (contatto con qualsiasi sostanza, materiale o superficie sospetta) o chimico (attraverso i residui di detersivi, ad esempio) o ancora biologico (muffe, batteri, virus, etc.).
  • Altri argomenti trattati nei corsi: Gli altri argomenti potranno riguardare la disinfestazione o la derattizzazione dei locali, come conservare bene i cibi e come si esegue la rintracciabilità dei prodotti.

Per quanto riguarda la durata di questi corsi, è a discrezione delle Regioni, che ne stabiliscono le ore da destinare.

A chi sono rivolti i corsi Haccp: chi sono i destinatari

I corsi Haccp sono rivolti a tutti coloro che lavorano nel settore alimentare, a qualsiasi livello. Ciò vuol dire operatori che hanno contatto diretto ma anche indiretto con il cibo (processi di trasformazione degli alimenti, confezionamento, trasporto, somministrazione, etc.). Vediamo qualche esempio di alcuni mestieri o professioni che necessariamente sono coinvolti nel seguire questi corsi.

  • Coloro che si occupano di contatto o manipolazione diretta con gli alimenti. Parliamo perciò di cuochi ed aiuto cuochi innanzitutto, ma anche di pizzaioli, camerieri, addetti alla preparazione dei catering. E ancora: macellai, pastai, fornai, pasticceri, gelatieri e gelatai, pescivendoli, addetti alla lavorazione di prodotti latto-caseari, baristi, trasportatori di alimenti, proprietari di negozi di alimentari, e tanti alti con mansioni di queste caratteristiche.
  • Coloro che si occupano di contatto o manipolazione indiretta con gli alimenti. Anche chi ha un contatto o manipola solo indirettamente degli alimenti dovrà conseguire un attestato haccp. In questo caso parliamo di tutti quelli che lavorano in aziende di deposito, stoccaggio e distribuzione degli alimenti. Alcuni esempi: venditori di frutta e verdura, lavapiatti, cantinieri, personale delle scuole materne, etc.
 
Next Post