Gatto British Shorthair: aspetto, storia, caratteristiche e salute

Gatto British Shorthair: aspetto, storia, caratteristiche e salute

Il gatto British Shorthair si ritiene essere una razza che si è evoluta da gatti portati in Gran Bretagna dai romani che si sono riprodotti con i gatti selvatici britannici. Il British Shorthair è una delle più antiche razze di gatti al mondo. In questo articolo tutto dedicato a lui, lo conoscere meglio e alla fine, lo apprezzeremo ancor di più.

Nel corso del tempo, questa razza si è sviluppata negli odierni grandi gatti che conosciamo oggi con una ossatura pesante e muscolosi. Il loro pelo è corto e morbido con gli occhi di colore ambra. Hanno una faccia molto simpatica e sono di natura tenera e affettuosa.

Storia e caratteristiche del gatto British Shorthair

Durante la prima e la seconda guerra mondiale, questa razza di gatto ha sofferto molto del declino della popolazione, ma da allora, il numero degli esemplari si è ripreso e molto. In passato, era conosciuto come “British Blue”, una razza che ora è disponibile in vari colori del mantello. Il gatto British si diverte a giocare e ama l’attenzione dei loro proprietari.

Non hanno di solito mai paura delle persone e amano stare con loro. Se vengono tenuti in casa, sarà necessario farli giocare molto magari con giocattoli per sostituire il tempo che passerebbero fuori a correre, saltare e arrampicarsi.

Come per la maggior parte degli animali di razza pura, il gatto British Shorthair ha bisogno di una sana alimentazione. Man mano che il gatto cresce, va modificata la sua alimentazione, ma sarà necessario farlo con attenzione e gradualmente nel tempo per evitare disturbi alla pancia.

I più anziani, non avranno grosse esigenze riguardo alla loro dieta ma dovrebbero comunque ricevere cibo di buona qualità che soddisfi le loro esigenze nutrizionali, almeno due volte al giorno. È meglio tenere d’occhio il peso di questo gatto. L’obesità può avere un grave impatto sulla sua salute.

Salute e alimentazione del British Shorthair

Il pelo del gatto British Shorthair è corto. Sarà difficile che si formino grovigli di pelo il che lo rende molto facile da pettinare. Una leggera spazzolata è tutto ciò di cui hanno bisogno per mantenere il loro mantello bello e pulito. Sono gatti molto robusti che difficilmente avranno problemi di salute.

L’unico potenziale problema del gatto British è una possibile condizione cardiaca che è nota come cardiomiopatia ipertrofica ma, poiché si tratta di una malattia ereditaria, è un possibile problema di salute che hanno in comune moltissime altre razze di gatti ed è abbastanza rara come condizione di salute.

Il miglior cibo per questi gatti è quello realizzato con ingredienti sani e integrali come proteine ​​e grassi animali. Frutta e verdura fresca sono l’ideale per mantenere al meglio il suo equilibrio nutrizionale. Bisogna però limitare al minimo i carboidrati e i grassi per tenere sotto controllo il contenuto calorico.

Le proteine ​​sono essenziali per tutti i gatti, ma sono particolarmente importanti per il British Shorthair che è incline all’obesità. Per evitare problemi di sovrappeso, è importante che questo gatto faccia attività fisica come passeggiate o giocando con giochi per gatti in casa.

Tag:
 
Next Post